Al Libro Possibile Winter, Nicolò Govoni, candidato al Nobel per la pace 2020.

Al Libro Possibile Winter, l’incontro on-line con Nicolò Govoni, per la prima e unica presentazione in Puglia del libro Attraverso i nostri occhi – Vivere da bambini in un campo profughi (BUR). Il giovanissimo attivista italiano, candidato al Nobel per la pace 2020, si  collegherà in video-conferenza sulla piattaforma Microsoft Teams, venerdì 18 dicembre, alle 18.
Interverranno: Antonio Donatelli
, sindaco di Triggiano; Maria Morisco, dirigente scolastica dei Licei Cartesio di Triggiano; Rosella Santoro, direttrice artistica del Libro Possibile; gli alunni dei Licei Cartesio. Modererà il dibattito Giorgia Messa, responsabile della comunicazione del Libro Possibile. 

Classe 1993, Nicolò Govoni nasce a Cremona. A soli vent’anni, decide di unirsi a una missione di volontariato in India, dove studia giornalismo. A venticinque anni fonda Still I Rise, organizzazione internazionale finalizzata a creare scuole per bambini profughi nel mondo. Finora, hanno aperto la prima scuola per minori (“Mazì”) nel campo rifugiati dell’isola greca Samos; e scuole in Turchia, Siria e Kenya. Per le sue attività e il suo impegno in campo umanitario, a soli ventisette anni, Govoni viene nominato al Premio Nobel per la pace 2020. 

“Attraverso i nostri occhi” è un lavoro corale, realizzato da Nicolò Govoni con Nicoletta Novara e con gli studenti di “Mazì”; il ricavato del libro servirà a finanziare una scuola in Siria. 

Il volume si divide in due parti. La prima contiene una fiaba moderna ambientata a Samos. È la storia di un bambino siriano e di un bambino africano, entrambi approdati in Grecia dopo aver rischiato la vita a bordo di un gommone. Dopo iniziali dissidi, legati ai pregiudizi che ciascuna comunità del campo profughi nutre verso le altre, i due piccoli protagonisti si riconosceranno simili e uniti nella fiduciosa ricerca di un futuro migliore. 
La seconda parte del libro raccoglie le foto scattate dai ragazzi del campo di Samos, nell’ambito dei laboratori di fotografia tenuti periodicamente da Nicoletta Novara a Mazì. Gli scatti sono accompagnati da brevi testi scritti dai ragazzi stessi. 
Il libro nel suo complesso è, quindi, un viaggio toccante tra le difficoltà materiali e psicologiche della vita in un campo profughi, attraverso gli sguardi di chi in quei campi ci vive. Ne emerge un quadro autentico, spietato ma non privo di speranza. 
“Il giorno in cui ho messo piede nel campo ho pensato che fosse la fine, la fine dei miei grandi sogni, ma adesso so che, per quanto grandi siano le difficoltà ei problemi, è possibile insegnare ai propri sogni a volare!” (Mahshid, in “Attraverso i nostri occhi”)

Appuntamento con Nicolò Govoni, venerdì 18 dicembre, alle 18, sulla piattaforma Microsoft Teams. Il link per assistere all’incontro è disponibile sui canali social e sul sito del Libro Possibile.

https://shorturl.at/lAG36

 
Giorgia Messa
g.messa@libropossibile.com
+39 345 8058767​